ITA | ENG ARTISTI | CONTATTI | SERVIZI PER IL PUBBLICO  
Lo studio di Giorgio Morandi
Piergiorgio Branzi. Parigi, 1954-2011
Bill Armstrong
Gianni Berengo Gardin
Piergiorgio Branzi
Luca Campigotto
Robert Capa
Lorenzo Cicconi Massi
Daniele Dainelli
Elliott Erwitt
Giorgia Fiorio
Maurizio Galimberti
Simona Ghizzoni
Mario Giacomelli
Marco Gualazzini
Kenro Izu
Mimmo Jodice
William Klein
Irene Kung
LIFE
Herbert List
Nino Migliori
Vincent Munier
James Nachtwey
Martin Parr
Paolo Pellegrin
Martin Schoeller
Marco Pesaresi
Raghu Rai
Sebastião Salgado
Francesco Radino
Ferdinando Scianna
Massimo Siragusa
Janet Sternburg
Paolo Ventura
Albert Watson
Alex Webb
Marco Zanta
Mattia Zoppellaro

Mario Giacomelli

Nato in una famiglia poverissima, a 13 anni Mario Giacomelli comincia a lavorare in una tipografia, attività che continua per tutta la sua vita. Nel 1954 si avvicina alla fotografia, di cui diventa uno dei maggiori interpreti, riconosciuto a livello internazionale. Autodidatta, spesso accosta i suoi lavori fotografici a componimenti poetici, raccogliendo le sue fotografie in serie. Tra i progetti più conosciuti, Non ho mani che mi accarezzino il volto, noto come I Pretini, immagini realizzate nel seminario di Senigallia; Scanno; Presa di coscienza sulla natura, la grande serie dei paesaggi aerei, iniziata già dalla metà degli anni Cinquanta. Tra i lavori più recenti: Il mare dei miei ricordi (1991-94), Io sono nessuno (1994-95) su testi di Emily Dickinson fino ad arrivare a Questo ricordo lo vorrei raccontare (1998-2000).